Placemaking. Una filosofia-processo progettuale vincente.

I veri esperti sono i cittadini, con il loro bagaglio di conoscenza diretta del luogo.

Cos’è il placemaking? È un processo e una filosofia che si basa sull’interazione tra progettisti e cittadini nella (ri)creazione di luoghi vivibili nelle città. La sua portata rivoluzionaria consiste appunto nel considerare di fondamentale importanza l’opinione degli abitanti di una determinata comunità con riferimento ai possibili miglioramenti che possono essere apportati in quegli spazi pubblici che gli stessi sono soliti frequentare, usando come punto di riferimento i loro bisogni, le mancanze lamentate e tutto quanto possa rendere (sempre attenendosi a tale opinione) un determinato posto il più confortevole possibile.

Quando progettisti, designer e ingegneri che si occupano di pianificare e progettare gli spazi pubblici si aprono alle proposte della gente, che sente proprio quel luogo perché lo vive quotidianamente, il risultato è sempre positivo.

Solo chi ha conoscenza diretta di un luogo può fornire informazioni preziose su come esso funziona, quali sono le sue criticità e cosa gli abitanti di quella comunità ritengono sia importante o meno. Insomma, i veri esperti sono i cittadini con il loro bagaglio di conoscenza diretta del luogo.
Non si tratterà allora di costruire semplici giardini o piazze o quant’altro di diverso, ma di rendere un quartiere o una città dei posti vivibili e invitanti tramite una combinazione non casuale dei vari fattori, che sia di stimolo all’instaurazione di relazioni sociali al suo interno e in cui vengano svolte attività capaci di coinvolgere tutti, dal primo all’ultimo soggetto. Per usare una metafora,

Il placemaking confeziona, per un preciso spazio pubblico, un vestito su misura, che asseconda le richieste degli abitanti di una data comunità, i quali hanno evidentemente una relazione particolare con quel determinato luogo perchè lì ci vivono o ci lavorano o, molto più semplicemente, perché lì ci passano il loro tempo libero. Cittadini che influenzano il processo decisionale: quale migliore esempio di sussidiarietà orizzontale?

Dal 1975 è attiva  PPS(Project for public spaces) un’organizzazione no-profit operante principalmente negli Stati Uniti, che ha deciso di fare della promozione e diffusione della filosofia del placemaking il suo cavallo di battaglia. La sua missione consiste principalmente nell’offrire aiuto a quei cittadini interessati alla creazione di spazi pubblici vivibili e di qualità, realizzati attingendo dalla saggezza collettiva degli stessi, che vivono a contatto diretto con quei posti. In effetti, il lavoro più gravoso è proprio quello di unire insieme le varie opinioni dei diretti interessati e fare in modo che le diverse informazioni ottenute possano, infine, dar vita ad una visione comune per un certo tipo di posto, che possa a sua volta evolvere rapidamente in una strategia di attuazione. Operando così un bilanciamento tra le qualità fisiche e sociali del luogo, alla fine di tutto si sarà “creato un posto” capace di rispecchiare l’anima e gli interessi della comunità che contribuisce a renderlo vivo.

[testo tratto da Labsus]

3 – 4 Novembre 2011
New York
PLACEMAKING: MAKE IT HAPPEN

Corso della durata di due giorni focalizzato sulle modalità di trasposizione di idee in realtà usando una strategia site-specific.

Annunci

2 thoughts on “Placemaking. Una filosofia-processo progettuale vincente.

Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...