Punti di vista su Milano: tra macro-interventi e nuovi usi temporanei della città.

Rapporti e disequilibri: divario tra politiche d’intervento edilizio e nuovi stili di vita in città. Iperconcentrazione e decrescita. Deterritorializzazione. Qualità della vita e densità abitativa. Larghe intese politico-amministrative.
Il punto di vista di Vittorio Gregotti.
Vittorio Gregotti intervistato da Luca Beltrami Gadola per Arcipelagomilano.

Iper-concentrazione e decrescita nelle post-metropoli. Il caso milanese.

Milano, a differenza di città teatro di grandi concentrazioni urbane quali Shangai e Pechino, sta vivendo una fase di de-crescita.
Come cambiare quindi la struttura della città?
Come intervenire di fronte alle contemporanee trasformazioni in atto?

Vi è una multistratificazione di fenomeni osservabili nella città europea:

  • costi della città sempre più ingenti;
  • passione per la casa singola;
  • nuove forme di utilizzazione temporanea della città (forte aumento di city-users e diminuzione di abitanti fissi)
    Il caso di Venezia. Abbandono della città e nuovi cittadini temporanei.
  • trasferimenti d’uso dell’edilizia
Milano:
  • Popolazione in diminuzione progressiva dal 1970.
  • Inadeguatezza dell’intervento in edilizia: più di 80’000 vani edilizi vuoti, fortissima necessità di abitazioni a basso costo, edificazione di grandi stabili ad uso abitativo di lusso (secondo le previsioni del nuovo PGT di aumento considerevole di popolazione)… Incongruenze.
  • De-territorializzazione di strutture industriali. Salti indietro nelle città.
    Lo sviluppo quantitativo come impropria soluzione attuale.
Rapporto tra densità di popolazione e qualità della vita urbana.
Vi è un rapporto inversamente proporzionale tra la densità abitativa e la qualità della vita e della produzione intellettuale e culturale in città. Un problema quantitativo.
La città metropolitana milanese: opportuni nuovi confini organici.
Strategie di miglioramento della qualità della vita urbana.
Tornare ad avere e formulare delle “ipotesi di futuro”. Gestione e amministrazione della regione urbana milanese come un comprensorio non come un comune, esigenza di applicazione di una logica territoriale. Inidoneità del governo locale a seconda dei confini puramente amministrativi. Avvicinamento tra provincia e comune. Larghe intese: necessario superamento e conciliazione di necessità tra gli interessi di territorio e gli aspetti amministrativi.
Annunci

Tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...