“Red Ball project”: evidenziare e valorizzare spazi urbani interstiziali.

Through the RedBall Project I utilize my opportunity as an artist to be a catalyst for new encounters within the everyday.
Through the magnetic, playful, and charismatic nature of the RedBall the work is able to access the imagination embedded in all of us. On the surface, the experience seems to be about the ball itself as an object, but the true power of the project is what it can create for those who experience it. It opens a doorway to imagine what if?
[continua]
– Kurt Perschke –
Continua a leggere

“The Transfinite”: assaggiare l’infinito attraverso ambiente e superfici mutevoli.

”…spectacular, trippy and fun…the transfinite is definitely something to see and experience. Sublime spectacle.” –The New York Times
“…a physical manifestation of information in its rawest form.” –Time Out NY
”…an extreme and elaborate visual and sonic environment.” –New York Magazine

Continua a leggere

Arte e superfici. Allan Wexler public art.

2 Superfici, 26 sedie. Un enorme tavolo ed una copertura. Ad interagire con queste superfici 13 sedie con uguale orientamento. Due risultati differenti: due spazi differenti, due diverse forme di interazione e socialità. Questi gli elementi base di sperimentazione di Allan e Ellen Wexler per un’ installazione artistica realizzata nel 2006 lungo l’Hudson River Park a New York city. 
Continua a leggere

Placemaking. Una filosofia-processo progettuale vincente.

I veri esperti sono i cittadini, con il loro bagaglio di conoscenza diretta del luogo.

Cos’è il placemaking? È un processo e una filosofia che si basa sull’interazione tra progettisti e cittadini nella (ri)creazione di luoghi vivibili nelle città. Continua a leggere

By the city, For the city. New York.

Urban Design Week è un nuovo festival pubblico creato per coinvolgere i newyorkesi nelle affascinanti e complesse questioni che riguardano la sfera pubblica e per celebrare il paesaggio urbano, marciapiedi e spazi pubblici, cuore della vita urbana.

Continua a leggere

La riscossa delle superfici esperibili. Il 2D diventa 3D.

“My work is created in a reaction to what we readily encounter in our lives, sidewalks and doorways, building and bricks. I’m just connecting the dots differently to make my own picture. Others need to see that they can create too, connecting their own dots, in their own places.”
[Aakash Nihalani]

Crown Fountain: superfici ludiche a Chicago

Una fontana è il ricordo della natura, del meraviglioso suono di un torrente di montagna trasportato in città. Per me fontana non significa un grande getto d’acqua. E’ soprattutto umidità, l’origine della vita.
                           – Jaume Plensa

Due volumi in vetrocemento + LED e una superficie in granito nero. L’acqua, sgorga da una fessura nei primi e ricopre la seconda. Ed il gioco è fatto: uno spazio pubblico semplice nella costituzione, ludico, innovativo, unico e riconoscibile. Un progetto che sta tra la public art, l’architettura, il design ed il paesaggio, un progetto che funziona: è luogo di ritrovo di adulti e bambini, d’estate e d’inverno. Un successo.

Continua a leggere