Piazzetta

In una zona molto nota e vissuta della città troviamo un luogo di grande interesse ma ora in stato di abbandono.

Panoramica sullo spazio della piazzetta.

Ci troviamo in centro città, sul percorso che porta da Cadorna a via Dante, una scorciatoia conosciuta ai milanesi, ma nascosta ai flussi di turisti, si incontra una piazzetta senza identità né vita.
Uno dei luoghi più affascinanti di Milano.

Tra via Porlezza e via Giulini si trova questa piccola piazza, senza nome, ma a tutti gli effetti tale, uno spazio pubblico della città non considerato e non vissuto, che passa totalmente inosservato ai numerosi cittadini passanti.

Passanti. Totale mancanza di interesse ed uso del luogo.

Vi sono tre elementi interessanti di questo spazio:
un piccolo teatro all’aperto, una “casa dimezzata” ed una minuscola chiesa ortodossa russa.

vista frontale del piccolo teatro all'aperto

Poche notizie ci sono su questo spazio raccolto, di matrice antica nella composizione spaziale ma di indiscutibile recente costruzione (visto anche l’uso di materiale cementizio).
È stato usato e vissuto negli ultimi anni da gruppi che per diversi motivi e sensibilità lo hanno deputato a spazio adatto al ritrovo collettivo (una compagnia di teatro e l’associazione VivereMilano in particolare).

"Casa dimezzata". Vista dal teatro. A sinistra il vicolo S. Giovanni sul muro.

La chiesa ortodossa russa.

Nonostante la presenza della chiesa, questa non può considerarsi la classica piazza con edificio religioso, sagrato frontale e spazio libero antistante. Qui la situazione è particolare e molto interessante, sia a livello sociologico che progettuale.
La chiesa, si affaccia sulla piazzetta, ha dimensioni molto modeste (è infatti la chiesa più piccola di Milano) e per questo motivo durante le celebrazioni della messa molti fedeli sono costretti a rimanere fuori senza la possibilità di poter seguire e partecipare. A funzione conclusa la comunità russa fa uso del teatro come luogo di ritrovo e dialogo (in particolare nell’anello più esterno dello spazio, rivolgendosi verso l’esterno, non verso il muro).

Un gruppo di fedeli ortodossi fuori dalla chiesa, a fine celebrazione. L'assenza di aree ombreggiate con sedute li fa sostare e dialogare all'ombra della chiesa.

Sulla piazzetta si affaccia anche un edificio che ospita gli uffici dell’ Istituto Nazionale di Statistica  (ISTAT). Lo stabile ha un basamento che viene tavolta usato dai passanti come seduta, per una breve sosta. Si tratta infatti di un volume che a livello dimensionale e antropometrico suggerisce la seduta: alto circa 50 cm – e altrettanto profondo – esso corre lungo tutto il profilo dell’edificio, il quale a sua volta segue l’andamento di via Porlezza che sinuosamente si apre nella piazzetta ospitante il teatro.

Palazzo dell'ISTAT. Vista frontale. A sinistra il vialetto che porta a Cadorna.

Dettaglio del basamento del Palazzo dell'ISTAT sulla destra. Rapporto con la piazzetta.

Di seguito un’analisi delle potenzialità e delle criticità del luogo, dei suoi elementi e caratteristiche esistenti, della situazione attuale.

L’intervento progettuale punta a valorizzare le caratteristiche spaziali esistenti ed esaltarne le potenzialità. (progetto site-specific)

Gli obiettivi principali sono:

– la riqualificazione e rifunzionalizzazione di uno spazio pubblico dalle grandi potenzialità in un quadro di necessità ed emergenza degli spazi dedicati all’uomo nella città di Milano;

– un intervento di miglioramento e ripristino dell’arredo urbano esistente, elemento basilare per la sosta urbana, con attenzione alle qualità psico-fisiche adeguate alla natura del luogo ed alle caratteristiche delle persone che vivranno quegli spazi.

– l’ uso di materiali eco-compatibili e sostenibili

– progetto pensato per i cittadini e per rimanere in uso durante tutto l’anno ma che allo stesso tempo ha una forza comunicativa.

Elemento fondamentale del progetto è la grafica ambientale: gran parte della forza dell’intervento sta nel gioco percettivo sul muro verso il quale si rivolge il piccolo teatro.


GUARDA GLI ALTRI LUOGHI:

      

Annunci

Articoli Recenti

Asincronie ed asimmetrie urbane.

Giovanni Hänninen - "cittàinattesa" - Galleria Bel Vedere - Milano

Giovanni Hänninen – “cittàinattesa” – Galleria Bel Vedere – Milano

«Gli scarti della città si offrono come osservatori privilegiati delle trasformazioni urbane latenti che mutano in profondità le relazioni simboliche e materiali fra uomini e territorio ma anche come rara occasione per riscoprire e rifondare le implicazioni etiche dell’abitare

Richard Sennet, 1999
“Usi del disordine: identità personale e vita nelle metropoli”

Continua a leggere

  1. Spazio pubblico come interfaccia comunicativa tra società e città. Rispondi
  2. Urban Food, Open Source platforms, Urban Action and Collaborative Economy Rispondi
  3. Ossigenazione urbana: DiAria project. Rispondi
  4. Delicati equilibri dialogici tra cultura e città 2 Risposte
  5. Verso una nuova agenda urbana human-centered Rispondi
  6. Piazza dell’architettura | “Retrouver Trieste” Rispondi
  7. Vivibilità urbana. La ricerca a Copenhagen di Gehl architects. Rispondi
  8. Tocatì! Festival Internazionale dei Giochi in Strada Rispondi
  9. URBwatching, una città multiversa. Rispondi
  10. Urban Re-Load: strategie di riciclo urbano e architettura industriale. Rispondi
  11. Isto é uma Praça! uno spazio pubblico a Guimarães Rispondi
  12. Reclaim the streets: I Park Art day is back. 2 Risposte
  13. Rispondi
  14. Espace culturel. Superfici sociali. Rispondi
  15. Ritrovamenti urbani: City Art Project 2020 e Tracciati. 1 Risposta
  16. 3 Risposte
  17. 72Hour Urban Action: 120 progettisti, 10 team, 10 missioni, 3 giorni e 3 notti per progettare lo spazio pubblico. 1 Risposta
  18. “Little Big Berlin”: urban life in fast motion. Rispondi
  19. “Red Ball project”: evidenziare e valorizzare spazi urbani interstiziali. 1 Risposta